LIFE+RI.CO.PR.I. AL CONVEGNO RETE NATURA 2000

  • English

Il 5 aprile scorso, nel corso della seconda giornata del convegno “Natura 2000 in Basilicata: percorsi di ‘contaminazione’ tra natura, scienza, arte e cultura dei luoghi”, organizzato dalla Regione Basilicata in collaborazione con ENEA e Forum Plinianum, si è svolta la tavola rotonda sul tema “Dolomiti a confronto: i parchi e la rete Natura 2000”, coordinata da Riccardo Guarino dell’Università di Palermo. È stata un’importante occasione di incontro tra i rappresentanti delle aree protette di Basilicata, preceduto da una prima fase di presentazione del Parco delle Madonie, situato nel cuore della Sicilia e il Parco Naturale Adamello Brenta, situato nel Trentino occidentale. Hanno preso parte al dibattito Domenico Totaro, presidente del Parco Nazionale Appennino Lucano e coordinatore di Federparchi Basilicata, Pierfrancesco Pellecchia, presidente del Parco Regionale della Murgia Materana, Annibale Formica, direttore del Parco Nazionale del Pollino. Sono intervenuti anche, per il Parco delle Madonie, l’esperto Rosario Schicchi, il direttore del Parco dell’Adamello Brenta Roberto Zoanetti e Marco Delorenzo, direttore del Parco Regionale Piccole Dolomiti Lucane, che ha avuto modo di illustrare le attività previste, realizzate e in via di completamento del progetto LIFE+ RI.CO.PR.I., soffermandosi in particolar modo sui risultati conseguiti finora. 

 

Nella mattinata di sabato 6 aprile, dedicata alle scuole lucane, l'assessore all'Ambiente della Provincia di Potenza, Massimo Macchia, e i coordinatori della comunicazione della Provincia di Potenza del Progetto Life+Ricopri, Donato Sileo e Anna Maria Calabrese, hanno incontrato i tanti piccoli studenti che hanno partecipato al concorso “Le scuole lucane per Natura 2000: un racconto per immagini”. L'assessore Macchia, prima di procedere alla premiazione delle classi vincitrici, nel suo intervento ha sottolineato come la biodiversità sia da considerarsi «una risorsa fondamentale per il turismo e per la crescita sostenibile. Gli ecosistemi sani rappresentano un elemento importante di attrattiva turistica. In questi ultimi anni i parchi e le aree protette hanno segnato un cambio di rotta rispetto alle politiche di promozione del nostro Paese, contribuendo in maniera determinante a far crescere un’offerta che punta sulla valorizzazione dell’ambiente e il contatto con la natura. L'attenzione alla conservazione del territorio permette una crescita della consapevolezza del ‘valore-natura’ sia nei fruitori, sia negli abitanti e negli operatori locali, a cui può essere consentito, in questo modo, di continuare a vivere e lavorare sul proprio territorio».
A seguire, sono stati presentati i pacchetti formativi per l'educazione ambientale nelle scuole, realizzati dalla Provincia di Potenza, nell'ambito del Progetto LIFE+ RI.CO.PR.I.

 

This entry was posted in News. Bookmark the permalink.